Tabula gratulatoria

Nigel Vincent

Cito il primo paragrafo della recensione al capolavoro di Maria Colori e lessico apparsa sulla principale rivista americana di linguistica generale Language e scritta da Jeffrey Heath esperto soprattutto di lingue africane: ‘This book, primarily about Catalan color terms, is a doctoral dissertation at a German university by a native Hungarian, so naturally it is written in Italian!’ Avrebbe potuto aggiungere che l’autrice aveva conseguito la laurea all’università di Bucarest specializzandosi in letteratura spagnola e francese.

L’internazionalità e la varietà della sua formazione si rispecchia sia nelle diverse lingue analizzate – romeno, catalano,

italiano, castigliano, ungherese – sia nelle varie dimensioni linguistiche che ha indagato – fonologia, morfologia, lessico, sociolinguistica – adoperando una prospettiva ora sincronica ora diacronica.

Quando a questa ricchezza scientifica si aggiungono l’eccellenza delle sue lezioni, il numero di studenti che ha aiutato, le responsabilità amministrative che ha assunto – per non dire nulla del suo calore umano e simpatia – il risultato è una persona e una vita intellettuale e professionale da contemplare con ammirazione e stima.

 

Nigel Vincent

(laurea in italiano e francese, nato nel Regno Unito, residente in Danimarca!)

Scrivi il tuo messaggio

Tullio Telmon

Non ho mai avuto contatti di lavoro o interessi comuni con Maria, ma l'ho sempre ammirata e stimata non soltanto per il suo sapere, ma soprattutto per il sincero e spontaneo trasporto con il quale ha sempre saputo rapportarsi agli altri.
Con stima e simpatia,

Tullio

Outi Merisalo

Domina doctissima, eshet khail, amica carissima! Mitä parhaimmat syntymäpäiväonnittelut!

Antonio Narbona

Universidad de Sevilla (España)

José Enrique Gargallo Gil

Amiga Maria, mestra i amiga, el vostre cognom em suggereix una gran dona (MAGNA), una gran dama de la filologia, la romanística, la catalanística. Una dama de frontera: entre el romanès i l'hongarès, entre el sard i el català, entre la ciència i la humanitat. Per molts anys, amiga i mestra. Magnànima dama.

Ioana Vintilă-Rădulescu

Dragă Marika, Anii au trecut ... ca nori lungi pe șesuri, dar amintirea începuturilor noastre, când ne ocupam de primul (și deocamdată singurul) Congres de romanistică organizat în România, au rămas vii, ca și - în ciuda distanței în timp și spațiu - prietenia noastră, la care s-a adăugat admirația mea pentru tot ce ai realizat de atunci încoace. La mulți ani și toate să continue la fel! Cu drag, Oana (pour les connaisseurs)

Rafael Cano Aguilar (Universidad de Sevilla)

Gracias por todo el trabajo realizado, y por mostrar en tu vida y en tu obra que las fronteras nacionales y lingüísticas no tienen que constreñirnos. Que disfrutes jubilosamente de tu jubilación.

Jodi Sandford

I hold Maria in the highest esteem, and can only thank her for all she has given to the world of color semantics, to her colleagues and her students. All my best wishes.

Domnita Dumitrescu

Draga Marika, lasi in urma ta o mare mostenire filologica, sunt mandra ca te cunosc si ca pe vremuri am avut Universitatea din Bucuresti in comun. Iti doresc multa sanatate si multe bucurii in noua viata pe care o incepi acum, si stiu ca, la fel ca mine, desi "pensionata", nu o sa parasesti profesia, ci o sa continui sa fii activa. Imi aduc aminte cu multa placere de ultima noastra intalnire la Los Angeles, unde esti oricand binevenita, daca mai vrei sa treci "el charco"(oceanul). Cu mult drag, Domnita

Edoardo Lombardi Vallauri

Questa è una testimonianza di gratitudine. Da quando la conosco, Maria mi ha sempre rassicurato. Date la sua autorità, la sua preparazione e - last but not least - la sua estrema distinzione, godere della sua stima e della sua simpatia ha sempre funto, per me, come una garanzia che davvero valevo qualcosa.

Franca Orletti

Maria e' una grandissima studiosa con competenze alte e diversissime. La conosco da tantissimi anni ed ho solo il rammarico di non aver avuto l'occasione di lavorare a qualche progetto con lei La sua presenza, il suo sorriso sono stati una costante in tanti anni di occasioni accademiche belle o meno belle Le auguro una continuita' nei suoi interessi e nelle sue amicizie Sara' sempre un riferimento per tutti noi.

Paolo Di Giovine

Con ammirazione e simpatia a Maria, presenza saggia e rassicurante, sorgente preziosa di sapere in molti campi della linguistica, in particolar modo mitteleuropea e balcanica.

Elina Suomela-Härmä

Innostavaa kollegaa ja opettajaa kiittäen sydämelliset syntymäpäiväonnitteluni!

Nadia Prantera

Università della Calabria

Luisa Brucale

Ho conosciuto Maria negli anni del mio dottorato a Roma3. Nonostante non fosse lei la tutor della mia tesi è sempre stata per me un importantissimo punto di riferimento e un modello di comportamento. Grande studiosa e donna coltissima, accogliente, generosa di sé e del suo, franca, aperta e acuta. Le sono davvero molto grata.

Lunella Mereu

Cara Maria, è stato bello averti accanto e seguire le tue tante esperienze scientifiche, culturali e umane. Mi auguro di averti ancora al fianco come amica, studiosa e saggia guida per tutti noi.

Dan Munteanu Colán

Queridísima Márika: ¡Mi más sincera enhorabuena! Ahora vas a formar parte del selecto círculo de las personas de "tierna edad", después de haber sido recibida "cum laude" en el distinguido club de los grandes lingüistas. Una vez más, ¡felicidades! Ne-am cunoscut acum mai bine de 50 de ani, când eram studenti la filologie spaniola la Universitatea din Bucuresti. Am fost colegi la Institutul de Lingvistica al Academiei Române. Luego, nuestros caminos se separaron: tú te afincase en L'Aquila, yo, años más tarde, en Las Palmas de Gran Canaria. A pesar del tiempo y las distancias, nos encontramos en casi todos los congresos de lingüística románica y pasamos momentos inolvidables. Nuestra amistad duradera no se vio alterada, y siempre hemos contado el uno con el otro. Gracias porque existes. E benvenuta al club! Bienvenue au club!

Dr. Dan Munteanu Colán, profesor emérito Universidad de Las Palmas de Gran Canaria, España

Angela Ralli

Università di Patrasso, Grecia

È sempre stato un vero piacere incontrare Maria nei convegni di linguistica, parlare con lei e godere la sua amicizia. Maria è una grandissima studiosa, coltissima e un punto di riferimento per quanto riguarda la morfologia dell'italiano.

Federico Albano Leoni

Kálmán Faluba

Kedves Marika! Mint romanista, hispanista, katalanista (ráadásul magyar és barát) gratulálok, és sok további aktív évet kívánok. / Com a romanista, hispanista, catalanista (i a més a més, hongarès i amic) et felicito i et desitjo molts anys més d'activitat. Kálmán

Carla Bazzanella

Con affetto. Viva i colori!

Maria M Manoliu

Warmest wishes for happy adventures and joyful events with your family and friends!

Luciano Giannelli

Da sempre sai che c'è Maria, per imparare, per districare, per condividere, per respirare aria pulita. Kösz, Márika!

Gaetano Berruto

Un grande 'grazie', di tutto, Maria!

Nadia Anghelescu

I wish you good health, happiness and success in your research and your life! 

Maria Catricalà

Ringrazio tutti i colleghi per l'ottimo lavoro e ovviamente Maria per quanto mi ha insegnato negli anni e per quanto continua a fare in favore e sostegno della ricerca. Grossmann e Colori rappresentano un binomio fondamentale e non solo per la vasta disamina interlinguistica, per il rigore metodologico e per la chiarezza della scrittura; ma anche perché il libro di Maria riesce tuttora ad appassionare tanti giovani: cibo e colori a confronto - in italiano e inglese - è una tesi discussa per l'appunto qualche mese fa da uno studente del nostro corso, suo segreto fan. Ultimo, ma non per ultimo, il binomio è particolarmente felice perché la policromia dell' "habitus" di Maria rivela quanto pioneristiche siano state alcune delle sue idee relative ai processi cognitivi e alla percezione.

Anna Maria Di Sciullo

Grazie per la sua notevole presenza e generosità in linguistica. È sempre un piacere incontrala e scambiare idee nuove. Auguri sentiti. Anna Maria

Pier Marco Bertinetto

... ma quella faccenda del gefillte fisch... D'accordo, c'è la tua versione, ma secondo me non è mica andata così... E poi, di che colore era? Ed era derivato o flesso? mah... Bisogna che ne parliamo. Ti aspetto.

Károly Morvay

Aquesta breu contribució destinada a felicitar l’estimada Marika Grossmann, i espero que m’ho perdoni, és un text sense color, vull dir: no parla de colors. Parla dels paradigmes de la declinació en hongarès, un tema més aviat incolor... [vai all'articolo]

Marinella Lörinczi (hosszú ö-vel)

Drága Marikám! Én olyasmikre emlékszem, amikre senki más, amikor egyemisták voltunk, amikor Nadiával tanultunk (öt is Isten éltesse!), amikor Escuderóval énekeltünk, amikor Iordan profot látogattuk meg. Amikor az egyetem vendéglöjében ebédeltünk, és utána usgyi a könyvtárba, azt a rengeteg spanyol regényt elolvasni meg egyebet. Ebböl származunk, mint egyetemi tanárok, mindenek ellenére, és végeredményben jó iskola volt, aminek hasznát vettük. Szeretettel ölellek. Mari.

Xavier Lamuela

Estimada Maria, D'ençà que em feies classes de romanès i intentaves fer-me'n d'hongarès han passat unes quantes coses i tu has arribat a un punt d'inflexió important de la teva carrera marcada per la saviesa i el rigor. Sok szeretettel! Xavier Lamuela

Maria G. Lo Duca

Grazie, Maria, per la gentile insistenza con cui mi convincesti a partecipare a quella grande e bella impresa collettiva che è stata "La formazione delle parole", a cura tua e di F. Rainer. Non fosse stato per te, non lo avrei fatto. E avrei perso una bella occasione di ricerca e di confronto. Grazie. Maria Pia

Max Wheeler

Amb tants bons records d'hores compartides estudiant filologia catalana a Barcelona, i de les classes privades que em vas oferir generosament de romanès, més una mica d'hongarès. I gràcies per la teva amistat a distança a través dels decennis des d'aleshores. Desitjo que gaudeixis d'una molt alegra jubilació.

Jens Lüdtke

Liebe Maria, Du weißt, dass ich Dir seit einer halben Ewigkeit verbunden bin. Ich habe Deinen menschlichen und wissenschaftlichen Weg immer mit Interesse verfolgt und bin ein Leser Deiner Schriften. Mit besonderer Aufmerksamkeit habe ich mich mit Deinen Arbeiten zur Wortbildung vertraut gemacht.

Alina Villalva

Querida Maria, A ver se nos voltamos a encontrar um dia destes, pode até ser num jantar colorido, como aquele em Lisboa... Obrigada por tudo o que nos deu do seu saber. E um abraço.

Joan Veny

Un homenatge ben merescut. Hem après molt de tu com a investigadora i com a persona. És un honor ser contemporani teu. Per molts anys! Una gran abraçada, Joan

Bruno Mazzoni

Non è semplice scrivere qualcosa di nuovo su un'amica speciale, ammirata e amata da tutti noi per la sua lealtà, il suo rigore, la lucidità con cui è sempre attenta e disponibile ad analizzare le cose, sia pubbliche che private, oltre che per le sue doti di studiosa. Certo, avere il privilegio di conoscerla da parecchi decenni, senza volere qui precisare quanti - e in questa occasione ci sono forse un paio di persone soltanto a potersi rallegrare di avere con lei un legame di amicizia ricco di un po' di mesi in più - mi offre una prospettiva più ampia, anche geograficamente. Ma geografia e storia vanno, come si sa, insieme... e le esperienze vissute da Marica sotto il regime ceausista, cittadina romena di minoranza (di appena due milioni!) ungherese, con amabilissimi genitori ebrei, sono state assai istruttive per me, giovane napoletano trapiantato a Bucarest, fiducioso in quel "sol dell'avvenire" che in Romania dava però già chiari segni di disfatta. Gli aneddoti a tale riguardo sono innumerevoli, a voce li racconteremo a chi non li avesse già ascoltati... ma la Storia ci ha poi anche accompagnato nei 'formidabili' anni di pionierato calabro, facendoci credere che Arcavacata sarebbe presto assurta al rango dell'M.I.T. (Massachusetts, certo), senza risparmiarci peraltro il brivido di essere 'fiancheggiatori', inconsapevolmente occulti, di frange del terrorismo post '77... con memorabili incursioni notturne di squadre della Digos, pronte a sequestrare un libro minacciosamente intitolato "Rivoluzione dei corpi celesti" o una sciabola di latta, a me già ex-allievo ufficiale, nonché per vari mesi numerose benemerite "Lettera 22"... Tanti anni sono ormai passati, ma l'impareggiabile humour della nostra festeggiata conferisce ancora verve e freschezza a varie vicende e accadimenti che ci hanno visto spesso insieme vicini. La nostra storia, anche con la S minuscola, continua amabilmente, ma intanto un grazie davvero, carissima Maria, perché senza di te sarebbero mancati, al nostro desco quotidiano, sale & pepe...

Sárközy Péter

Io non conosco Maria Grossmann studiosa delle lingue neolatine ma solo „Marika”, la professoressa ungherese dell’Università dell’Aquila, che aiuta sempre tutti e alla quale, se hai qualsiasi problema, potevi e puoi rivolgerti con la certezza di trovare ascolto e sostegno. Ringrazio Marika per la sua fedeltà alle sue origini, ai suoi cari e alla cultura ungherese, in cui cominciò (in ungherese) i suoi studi nella grande città commerciale della Pianura magiara (denominazione geografica: Magyar Alföld) Szatmárnémeti (Satu Mare) in Romania. Per me, professore di letteratura ungherese appena nominato alla Sapienza, giunto a Roma dieci anni prima del crollo dell’impero sovietico e del „socialismo irreale”, era di grande conforto poter contare sulla vicinanza di una vera amica ungherese, fuggita dalla Romania di Ceausescu, un’amica della quale potevo fidarmi, tra gli ungheresi „ufficiali” di Roma. Grazie di tutto e arrivederci spesso a Budapest. Con un abbraccio affettuoso (szeretettel), Sárközy Péter

Jeanne Clegg

Conocí a Maria Gorssmann hace ya muchos años con motivo de los colores. Siempre he admirado su valía intelectual, su rigor, su inteligencia penetrante, así como su honradez a carta cabal. Y, cómo no, lo que a todos sus colegas romanistas dejaba estupefactos, el perfecto dominio de infinitas lenguas; yo aprecio sobre todo su hermoso catalán. Pero lo que valoro de manera singular en María es su sentido de la amistad que ha practicado de manera generosa y ejemplar. Somos muchos los beneficiarios. Yo he tenido la fortuna, lo digo con orgullo y gratitud, de contarme en entre ellos. Gracias, María.

Milagro Laín

Ho incontrato Maria per la prima volta nel settembre del 1973, sull’uscio dell’Hotel Europa a Rende, dov’era alloggiata gran parte della neo-nata Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Lei era arrivata dalla Catalogna (dieci giorni prima di me, le piace sottilineare), io, mio marito Franco e la gatta Lily dall’Inghilterra. Cosi è iniziata l’avventura di un primo lavoro vero in un contesto molto particolare: una università sperimentale, a numero chiuso, residenziale, tutta da costruire, ancora senza baroni, con docenti giovani e per lo più ‘di fuori’. C’era poi un meraviglioso paesaggio e il mare del Tirreno da scoprire… Vita e lavoro non erano più di tanto distinguibili. Le amicizie erano importantissime, e molte sono sopravissute alla fine di quell’esperimento. Tra queste, l’amicizia di Maria è stata per me la più importante e più duratura. Non c’era, e non c’è, nessuna persona allo stesso tempo così rigorosa e così leale. Ma anche così seria e così capace di ridere e far ridere. Durante i 44 anni che sono seguiti a quel buffo incontro sull’uscio dell’Hotel Europa ho contato su di lei, anche troppo, in tutte le circostanze. Siamo anche tornate a lavorare insieme - non, per carità , nel senso scientifico (sono una disgraziata letterata!), ma per l’attuazione della prima Riforma ad Aquila – un’altra esperienza davvero esilerante (Maria riesce a rendere il lavoro all’interno di una commissione e perfino in Consiglio di Facoltà divertente!). Ora che il MIUR, l’ANVUR e il sito web le lasceranno un po’ di tempo libero, spero che - la linguistica permettendo - potremo riprendere l’esplorazione delle vie non ancora percorse, i colori, le forme e i suoni ancora sconosciuti di questo nostro Paese adottivo. E chissà, forse anche di altri…

Cinzia Franchi

Cara Marika, la tua vita umana e professionale abbraccia il mondo. Un mondo che tu - sia come studiosa, sia come viaggiatrice - hai attraversato e, questo è il mio augurio, continuerai ad attraversare, con l'interesse, la curiosità e la vivacità che ti contraddistinguono, in questo nuovo capitolo della tua esistenza che si è appena aperto. Per me da molti fortunati anni sei un punto di riferimento costante con la tua preziosa e mai banale intelligenza, con il tuo rigore e la tua chiarezza, e l'affetto che doni a chi ha la fortuna di esserti amico. Sok-sok szeretettel kívánok Neked szép napokat, sok kis mindennapi csodát az életedben, s sok finom vacsorát az "Iker Csillagok" éttermében kellemes baráti társaságban.

Giovanni Polara

Sei sempre la più incaricata di tutti noi, quarantaquattro anni dopo, altro che Vingt ans après! Con tanto affetto.

Giuseppe Di Stefano

Studiosa e docente esemplare, modello di impegno e disponibilità professionali, Maria amica grande e cara.

Grazie. Il messaggio apparirà sulla pagina al più presto.